Messo in evidenza

Incentivi energetici: una misura concreta per il clima

Pubblicato su Ticinonews il 28.09.2019

La marcata sensibilità ai temi ambientali ed energetici è un tema che deve andare al di là delle campagne elettorali. Per poter cambiare davvero qualcosa e contrastare il riscaldamento globale, vanno proposte misure concrete anche a livello comunale.

Il Comune ha un ruolo importante per contribuire al cambio di mentalità: sia facendosi promotore di iniziative proprie, fungendo così da esempio, sia attivandosi per sensibilizzare i propri cittadini. L'efficienza energetica degli edifici è un aspetto molto importante per la riduzione delle emissioni. Recentemente il Municipio di Gordola ha deciso di fare propria la mozione, inserendola nella revisione del piano regolatore, presentata a marzo dal Gruppo PLR in Consiglio comunale che chiedeva di introdurre un bonus energetico nelle Norme di Attuazione del Piano Regolatore (NAPR).
Già in diversi Comuni ticinesi queste norme prevedono dei bonus energetici per chi si impegna nella costruzione di edifici efficienti a livello energetico; come anche nella legge edilizia cantonale all’art. 40a cpv. 3 viene detto “La superficie utile lorda ammessa dai piani regolatori comunali è inoltre aumentata del 5% qualora i nuovi edifici o le modifiche di edifici esistenti presentino uno standard di efficienza energetica particolarmente elevato.”.
È senza dubbio incoraggiante constatare come l'esecutivo comunale abbia fatto questo passo: infatti al giorno d'oggi, oltre ad un miglioramento costante dei materiali che vengono impiegati nell’edificazione di abitazioni, appare corretto anche premiare quelle persone che si impegnano concretamente e che investono per costruire con standard energetici che portano a ridurre notevolmente il fabbisogno energetico finale. Così facendo si incentiva la responsabilità individuale e la lungimiranza in ambito ambientale senza introdurre divieti e balzelli.

Cosimo Lupi
Consigliere comunale PLR Gordola